Caffetteria

In primo piano

Iconografia del complesso delle ‘Sette Chiese’

22/10/2021 - 12/12/2021

Nel 2020 furono donati alla Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna ventisette grandi acquerelli dell’architetto Luigi Vignali dedicati al complesso bolognese di Santo Stefano detto delle Sette Chiese; rilevamenti architettonici con piante, sezioni trasversali e prospetti di quei suggestivi edifici, accompagnati dall’attenta descrizione di dettagli decorativi a volte estrapolati dal contesto e oggetto di specifica…

Approfondisci

Per la visita

Il palazzo

Casa Saraceni è considerata uno fra gli edifici di maggiore interesse che il Rinascimento cittadino abbia prodotto verso la fine del secolo XV. La storica residenza della nobile famiglia Saraceni ospita oggi la sede della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna.
La partitura architettonica dell’edificio è modulata secondo un ordine ritmico rigoroso, nel quale ha un ruolo importante l’ornato in terracotta che impreziosisce il disegno delle finestre e del cornicione.
Il disegno della facciata fonde così la solida tradizione bolognese con l’innovativo linguaggio architettonico fiorentino.
Oggi, nello spazio al piano terra, vengono organizzate mostre d’arte ed eventi culturali di grande richiamo.

La storia

Il palazzo fu innalzato nei primi anni del Cinquecento, probabilmente da Antonio Saraceni, nobile bolognese e saltuariamente membro del Senato dal 1468 al 1502.
L’edificio venne costruito sulle fondamenta di una casa che apparteneva alla famiglia Clarissimi dal XIII secolo. Una lapide posta nell’adiacente vicolo San Damiano ricorda, infatti, la torre di Alberto Clarissimi, trasformata nel 1469 nell’attuale altana e tuttora riconoscibile.
Sfarzosa e importante dimora, Palazzo Saraceni fu scelto, dopo la cacciata dei Bentivoglio, nel 1510, come la sede più appropriata dove ospitare due ambasciatori veneti a seguito del pontefice Giulio II.
Nel 1930, il palazzo è passato alla Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, che ne ha promosso l’ampio e articolato progetto di restauro del 2001, con opere di manutenzione straordinaria.

Torna alla home